cerca

LA KERMESSE IRIDATA

Scherma paralimpica, via ai Mondiali. E Bebe Vio carica gli azzurri

I Campionati per la prima volta nella Capitale, dal 7 al 12 novembre

Per la prima volta l'Italia ospita un Mondiale di scherma paralimpica che prevede l'assegnazione di quattro titoli al giorno e che si disputerà all'Hilton Hotel all'aeroporto di Fiumicino, dal 7 al 12 novembre. Oltre 220 atleti provenienti da 30 nazioni tra cui la fiorettista campionessa paralimpica a Rio 2016, Bebe Vio.

La campionessa veneta, vent’anni compiuti lo scorso 4 marzo, è la leader. E mica solo della squadra della scherma paralimpica: lo è di tutto. "Non vediamo l’ora di cominciare – dice Bebe appena arrivata da Tirrenia dove la nazionale italiana si è allenata – Sapete una cosa? Sono più pronta che non alle Olimpiadi".

Con tutto quello che sta facendo? Ma dove lo trova il tempo per allenarsi?
"Troppe cose? Ma no, non è così. Il programma televisivo ("La vita è una figata", ndr) mica è in diretta: lo abbiamo registrato in estate, e anche il libro è stato realizzato prima. Adesso ho tempo solo per lo sport e l’università, che frequento a Roma".

Il Mondiale la aspetta...
"Sono carica, farò tutto il possibile. Noi, parlo della nazionale italiana, dobbiamo realizzare un buon risultato anche per ringraziare chi ha lavorato con noi e per noi".

Cosa prova a gareggiare a Roma, quindi in casa?
"È bellissimo, sono entusiasta. Gareggiare in casa è il sogno di tutti. Certo, speravamo nel 2024 con le Olimpiadi, abbiamo pianto tanto ma adesso godiamoci questo Mondiale".

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni