cerca

inferno pronto soccorso

Pazienti dimenticati in barella negli ospedali di Roma, la vergogna della sanità nei video choc de Il Tempo

Le nostre inchieste con telecamere nascoste sul dramma che ogni giorno coinvolge tantissimi cittadini

Le file di persone nei pronto soccorso in attesa per ore prima di essere visitate, i malati che si lamentano e aspettano di essere ricoverati, il lavoro difficile che ogni giorno pochi addetti prestano nelle strutture sanitarie del Lazio, ridotte a seguito dei tagli effettuati negli ultimi anni dal governatore uscente Nicola Zingaretti. Ecco le nostre inchieste con telecamere nascoste sul dramma che ogni giorno coinvolge tantissimi cittadini alle prese con una sanità allo sfascio, tenuta in piedi soltanto grazie all’abnegazione di medici e paramedici che si fanno in quattro per assicurare il servizio pubblico.

Restare giorni interi in barella in un corridoio di un pronto soccorso: questa la terribile esperienza vissuta da un paziente romano che racconta la sua epopea una volta portato in ospedale. Quando lo intervistiamo è sdraiato su una lettiga dell'ospedale San Giovanni Addolorata già dalla mattina e ripete in continuazione: "Io non ci volevo venire qui! Piuttosto che aspettare, mi tagliassero le gambe". Poi racconta di quando, poco tempo prima, è stato fermo oltre un mese in barella in attesa di essere ricoverato al Policlinico Umberto I.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500