cerca

La sfida delle donne afghane, sempre di più chiedono il divorzio

Aumentano le cause ma ancora poche trovano il coraggio

Roma, (askanews) - Quando il marito di Nadia, eroinomane, ha iniziato maltrattarla, lei si è ribellata e ha deciso di lasciarlo. Nonostante i suoi 22 anni ha fatto qualcosa di impensabile fino a qualche tempo fa per una donna in Afghanistan: ha chiesto il divorzio.

"E' un drogato e un alcolizzato - racconta - a volte mi ha privata di acqua e cibo, non mi ha mai comprato nuovi vestiti. Non posso più vivere con lui".

La sua non è una storia così insolita, purtroppo. Fazila, madre di quattro bambini, si è rifugiata presso una Ong di Kabul per sfuggire al marito violento. Ha provato anche ad ucciderla. "La mia famiglia mi ha detto che dovevo vivere con lui e che il divorzio era qualcosa per cui vergognarsi. Mi hanno detto: se lo lasci non venire da noi, mi hanno respinta tutti, compreso mio fratello".

In Afghanistan un uomo che vuole divorziare lo può fare facilmente, basta chiederlo. Ma per una donna non è così. Deve dimostrare in tribunale abusi e violenze. E la maggior parte di loro non ha il coraggio di arrivare in fondo. Secondo le Nazioni Unite le cose stanno cambiando e le cause intentate dalle donne sono in aumento, con un 12% in più dal 2014, anche se parliamo ancora di piccole cifre. Solo 80 in circa tre anni.

Lo conferma Najaf Rajai, legale del programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo: "Giorno dopo giorno stiamo assistendo alla diminuzione delle tradizioni sessiste, le donne stanno finalmente imparando come far prevalere i loro diritti".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500