cerca

Pino Pascali torna a Milano, in Fondazione Carriero come Sciamano

Mostra curata da Francesco Stocchi con anche arte tribale

Milano (askanews) - Pino Pascali è stato, nonostante la morte a soli 33 anni, uno dei grandi protagonisti dell'Arte povera, forse il più innovativo per certi versi. La Fondazione Carriero di Milano gli dedica ora la mostra "Pascali sciamano", che parte dall'influenza, indiretta ma forte, dell'arte tribale sul suo lavoro, ma che si risolve poi soprattutto in una possibilità di riguardare alla lezione multiforme dell'artista barese. Olimpia Piccolomini, direttrice della Fondazione Carriero:

"Da tantissimi anni a Milano non c'era una mostra dedicata a questo gradissimo protagonista dell'Arte povera - ci ha detto - e siamo riusciti a raccogliere oltre venti opere, e quindi questa è un'occasione abbastanza unica per la città".

Occasione importante, perché nella mostra curata da Francesco Stocchi e allestita su tre piani, è possibile rivedere i diversi lavori degli ultimi tre anni di vita di Pascali, partendo dalle "false sculture", in realtà delle strutture rivestite di tela, per arrivare ai lavori più noti anche al grande pubblico, come i "Bachi da setola" che si possono ammirare all'ultimo piano dell'esposizione.

"E' una installazione che lui aveva presentato nel 1968 alla Galleria L'attico di Roma - ha aggiunto Olimpia Piccolomini - ed è stata esposta solo altre due volte, quindi è un'occasione unica di rivedere questi cinque bachi insieme con il loro bozzolo".

La natura della pratica artistica di Pascali, sciamano nel senso del suo rapporto intenso e spesso primordiale con la natura e le sue forze, si può anche poi rivivere attraverso un video nel quale l'artista mette in scena se stesso e il suo lavoro, ricordandoci che, in fondo, anche l'arte segue il principio dell'iceberg caro allo scrittore Hemingway: quello che poi vediamo davvero è solo una piccola parte del vero lavoro che ci sta dietro.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni