cerca

Brindisi: un arresto e un'espulsione, erano legati ad Amri

Integralisti legati a cellule Isis

Roma, (askanews) - A Brindisi un arresto e un'espulsione: si tratta di un congolese sbarcato in Italia e un marocchino già espulso. Erano in contatto con Amri, l'attentatore di Berlino. L'operazione è stata condotta dalla polizia di Brindisi. In manette è finito il 27enne congolese Lutumba Nkanga, residente in Germania, ospitato nel Centro di permanenza per rifugiati di Restinco (Brindisi), ritenuto parte di una cellula salafita operante a Berlino. È accusato di associazione con finalità di terrorismo internazionale.

I poliziotti della Digos di Brindisi hanno accertato la totale adesione all'ideologia dello Stato Islamico del 27enne e di un altro membro della cellula residente a Berlino, il 22enne Soufiane Amri, marocchino, espulso dall'Italia. Quest'ultimo è risultato essere in contatto con il tunisino Anis Amri autore dell'attentato al mercatino di Natale a Berlino lo scorso 19 dicembre 2016.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500