cerca

Obama a Milano: climate change fra le cause della crisi migranti

Bisogna agire con coraggio e subito

Roma, 9 mag. (askanews) - Un lungo discorso sui pericoli del cambiamento climatico, quello tenuto da Barack Obama alla fiera di Rho-Pero nell'ambito di "Feeds and Chips" - The Global Food Innovation Summit.

"Durante la mia presidenza i cambiamenti climatici sono stati una priorità, perché credo che tra tutte le sfide che stiamo affrontando, questa è quella che definirà i contorni del secolo più drammaticamente forse di tutte le altre"

ha detto Obama. "Alcuni profughi vengono in Europa non solo per i conflitti ma anche per i luoghi dove la scarsità di cibo potrebbe essere ancora più grave mentre proseguono i cambiamenti climatici. Quindi se non prendiamo le decisioni necessarie per fermare questo trend, le migrazioni che sono un grande peso per l'Europa aumenteranno."

"Se guardiamo il futuro, non c'è nulla che non possiamo fare. Non credo che in ogni zona del mondo debba essere condannata a povertà e fame senza fine e non credo che questo pianeta sia condannato a temperature sempre più alte. Credo che questi siano problemi causati dagli uomini e che possono essere risolti dagli uomini - ha affermato l'ex presidente americano -"Se agiamo con coraggio e in modo rapido, se mettiamo da parte i nostri interessi, a favore dell'aria che respirano i giovani e del cibo che mangeranno e dell'acqua che berranno, se pensiamo a loro e alle loro speranze e sogni, allora agiremo e non sarà troppo tardi", ha concluso.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni