cerca

Imponevano il pizzo agli imprenditori, 4 fermi nel palermitano

In manette uomini legati alla cosca mafiosa di San Giuseppe Jato

Palermo (askanews) - Era stanco di pagare il pizzo. Dopo diciassette anni di estorsioni un imprenditore di Altofonte, nel palermitano, si è deciso a rivolgersi ai carabinieri e ha fatto arrestare i suoi aguzzini. In manette a Monreale sono finite quattro persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione aggravata dal metodo mafioso. Il provvedimento è della Dda palermitana.

Il fermo è scaturito dalle indagini che hanno portato all'azzeramento della cosca mafiosa di San Giuseppe Jato. L'indagine ha consentito di documentare la richiesta puntuale di denaro in prossimità della Pasqua e la fissazione di un appuntamento per il successivo 15 aprile per il ritiro del contante. Le telecamere installate di nascosto hanno registrato la conversazione avvenuta nell'ufficio dell'imprenditore con l' esattore del pizzo immortalato mentre riceve il denaro, 500 euro in contanti. Proprio mentre si stava allontanando con la propria vettura, i militari del gruppo di Monreale sono intervenuti per arrestarlo. Nel corso della perquisizione personale sono stati trovati nelle tasche del fermato 1.500 euro, forse frutto di altre estorsioni commesse nella stessa mattinata.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni