cerca

Nell'Artico russo, Norilsk Nickel punta su futuro ed ecologia

Qui si produce il metallo anche per iPhone e Stazione Iss

Norilsk (Russia) - Dove un tempo c'era l'aeroporto più a nord del globo oggi c'è Nadezhda, che in russo vuol dire speranza, una fabbrica con un passato sovietico e un futuro ecologico. Senza di lei, non esisterebbe la materia prima per i nostri iPhone o gli strumenti musicali a fiato o la stazione orbitante Iss o le corde delle chitarre o persino la vernice blu.

Da qui, dagli impianti nell'Artico della Norilsk Nickel, e dalla fusione a mille gradi, inizia la storia di tanti strumenti di uso comune e anche di quelli più sofisticati che l'uomo è mai riuscito a produrre. In questi impianti monumentali, viene estratto e lavorato non solo il nickel per i treni elettrici, ma anche il palladio per gli anelli nuziali, il platino per i sottomarini e le lenti dei microscopi, e ancora rame, rutenio, argento, oro e quant'altro.

Sinora ben pochi stranieri sono riusciti ad entrare in questi impianti. Per arrivare sino a qui ci vuole un permesso speciale. E per molti versi la città di Norilsk è ancora una città chiusa, come erano quelle in epoca sovietica. Oggi però NorNickel, capace di produrre una ricchezza immensa, sta andando incontro a una rivoluzione epocale come ci spiega Larisa Zelkova, vice presidente senior del colosso metallurgico.

"Nel 2016 NorNikel ha chiuso la sua fabbrica più vecchia, fondata nel 1942. Per noi non era semplicemente un impianto superato. Il problema principale erano le emissioni e non avevamo nessun altra via d'uscita. Non si poteva modernizzare" sottolinea il vice presidente di NorNickel. "Quest'anno invece abbiamo inaugurato un nuovo enorme progetto a tutela di questi luoghi. Ora dobbiamo scegliere semplicemente la strada che percorreremo, per arrivare nel 2022 alla costruzione di una fabbrica per produrre zolfo ma anche per evitare e depurare le emissioni degli altri impianti. Gli investimenti sono pari a 2 miliardi di dollari, dopo le spese per la riconfigurazione di business che ci ha imposto la chiusura della prima fabbrica. Ma siamo fiduciosi. Il successo arriverà anche questa volta" conclude Zelkova.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni