cerca

Venezuela, opposizione sfida l'esercito: è al servizio di Maduro

Idranti e gas lacrimogeni per difendere il ministero della Difesa

Caracas (askanews) - Venezuela sempre più in emergenza dopo mesi di violente manifestazioni conto il presidente socialista Nicolas Maduro.

L'opposizione, che ha la maggioranza in Parlamento e chiede nuove elezioni, ha organizzato dimostrazioni contro le caserme delle forze armate, considerate fedeli alleate di Maduro.

In risposta, gli scenari ormai consueti. Camion-idranti e gas lacrimogeni hanno impedito ai dimostranti di raggiungere a Caracas il ministero della Difesa, nei pressi di una delle principali basi militari del paese.

"Chiediamo solo libertà" dichiara piangendo una manifestante dell'opposizione. "Solo questo, devono lasciarci esprimere. È l'unica cosa che conta per noi e per i nostri figli, è la sola libertà che abbiamo. Basta con la repressione, una volta per tutte".

Le forze anti-governative hanno ottenuto l'appoggio di un gruppo di militari in pensione che hanno denunciato l'uso eccessivo della forza da parte delle forze dell'ordine, tra cui la Guardia nazionale bolivariana che dipende direttamente dall'esercito.

Secondo il Procuratore generale del Venezuela Luisa Ortega dall'inizio delle proteste contro il presidente Maduro sono morti 52 civili e tre membri delle forze di sicurezza, mentre sono rimasti feriti 771 civili e 229 agenti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni