cerca

Nastro alla Carriera a Roberto Faenza: Preparo film in America

"Nel cinema italiano serve più coraggio, bisogna dare fastidio"

Roma, (askanews) - Roberto Faenza ha ricevuto un Nastro eccellente alla carriera per il suo primo mezzo secolo di cinema, nell'anno in cui è uscito il suo "La verità sta in cielo", sul delitto di Emanuela Orlandi. A margine della serata a Roma che tradizionalmente festeggia candidati e premi speciali dei Nastri d'argento, il regista ha commentato:

"Intanto la carriera futura voglio precisare... Io sono superstizioso. Critici sono anche il pubblico, oggi i critici sono sempre meno critici e sempre più pubblico, basta vedere in internet, sono tutti critici, va bene così".

"Io ho fatto quasi 15 film e molti potrebbero essere film poco riusciti, del resto anche i cuochi fanno dei piatti che riescono e altri no. Però come bilancio mi sento soddisfatto, soprattutto perché penso di avere fatto dei film coraggiosi, che è un è po' quello che lamento del cinema odierno, di avere troppo poco coraggio, di essere un po' troppo legato alle istituzioni, a un modo di pensare comune, un po' il conformismo. Il cinema italiano importante è quello che ha dato fastidio. Secondo me bisogna dare un po' fastidio", ha affermato.

"Ho in cantiere un film che farò in America tra un anno, poi vorrei cimentarmi con una serie televisiva perché penso che le serie tv oggi offrono l'opportunità per sperimentare dei linguaggi che una volta appartenevano solo al cinema e che forse oggi sono forse più avanzati del cinema stesso", ha rivelato.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni