cerca

Caos sul nuovo polo di Amazon vicino Roma, slitta l'apertura

Ancora una polemica su Raggi. Problema con allaccio depuratore

Roma, (askanews) - I 1.200 giovani reclutati per un contratto a tempo indeterminato dovranno aspettare prima di iniziare a lavorare per Amazon, nella sede che il colosso americano di vendite on line doveva aprire i primi di luglio vicino Roma, il secondo centro di distribuzione in Italia dopo quello nel piacentino. Un polo supertecnologico che doveva rappresentare l'arco di trionfo per l'ingresso della Città metropolitana di Roma nell'economia 4.0.

Ora, però, il centro di smistamento di Passo Corese, a una trentina di chilometri a nord di Roma, si potrebbe trasformare nell'ennesima forca caudina per la sindaca della Capitale, Virginia Raggi, chiamata in causa, via social, perfino dall'ex premier Renzi.

I 60mila mq di capannone multipiano sarebbero a rischio per l'autorizzazione all'allaccio di un depuratore sul territorio del comune di Fiano Romano, che ricadrebbe nelle competenze della Città metropolitana di Roma, presieduta da Raggi. L'apertura del'impianto, prevista per i primi di luglio, potrebbe sensibilmente slittare, ma i motivi sarebbero più tecnici che di volontà politica.

Dalle prime verifiche emergerebbe che l'autorizzazione all'allaccio non sarebbe stata chiesta dalla sola Amazon, ma da un consorzio di imprese. La richiesta sarebbe all'attenzione degli uffici che stanno lavorando per poter chiudere la cosa nei tempi utili ma sembra necessario un passaggio con l'Avvocatura della Città metropolitana.

In attesa di una posizione ufficiale della sindaca metropolitana o del M5S, ecco una nuova polemica politica di cui discutere nella capitale.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni