cerca

Addio a Helmut Kohl, artefice della Riunificazione

Senza di lui l'Europa non sarebbe la stessa

Roma, (askanews) - Aveva 87 anni Helmut Kohl, e la sua scomparsa in questo periodo di crisi europea, di Brexit e tentazioni populiste pare quasi simbolica. Il leader cristiano democratico tedesco, morto nella sua casa di Ludwigshafen nella Renania Palatinato, fu l'artefice della riunificazione delle due Germanie, che volle contro ogni critica appena un anno dopo la caduta del muro di Berlino. Proprio a Berlino riportò la capitale.

Assieme al presidente francese Francois Mitterrand fu anche uno dei più solidi paladini dell'Europa Unita, artefice dell'Unione monetaria e dell'euro. Helmut Kohl fu cancelliere prima della Germania ovest, poi del paese riunificato, per sedici anni, dall'82 al 98, per ora il record di longevità al potere.

Era uno storico di formazione, esperto dei paesi europei, dotato di visione sui larghi orizzonti. Gli ultimi anni sono stati infelici, anche a causa dello scandalo tangenti che mise fine alla sua carriera. Fisicamente indebolito, in conflitto con gli antichi alleati fra cui anche quella Angela Merkel che fu sua pupilla. Forse la giovane generazione fatica a ricordare il suo nome ma senza Helmut Kohl l'Europa che conosciamo non esisterebbe.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500