cerca

Mosca senza estate. Gelo anomalo persino per capitale del freddo

Allarme raccolti di grano: 17 mlm di tonnellate in meno

Mosca (askanews) - Sciarpa, cappello, ombrello e a volte serve addirittura il cappotto. Mentre in Italia si boccheggia per afa e siccità, a Mosca qualcuno ha rubato l'estate. La capitale russa batte i denti: è il tormentone stagionale, tra temporali e persino qualche nevicata a giugno. Perché ormai con 13,5 gradi (ossia la media del mese) rabbrividiscono persino i rodati moscoviti che da vent'anni sono abituati a estati calde, se non caldissime. E comunque una quantità tale di precipitazioni non si registrava da almeno 100 anni.

Dopo un inverno davvero più lungo del solito, l'estate non è arrivata. Tanto che ora scherzando, si dice: "Dopo maggio, arriva l'autunno a Mosca". Ma quello che colpisce sono soprattutto condizioni atmosferiche anomale e troppo imprevedibili, nonché i dati che indicano un numero di catastrofi naturali in crescita. Non a caso in Russia si comincia a parlare di "responsabilità economica" per previsioni meteorologiche poco precise. L'annuncio è arrivato dopo l'imprevisto tornado su Mosca del 29 maggio che ha ucciso 17 persone; 200 sono rimaste ferite. Incalcolabile il numero degli alberi distrutti.

Il freddo inoltre sta gelando le colture di grano e il Ministero dell'Agricoltura prevede un raccolto di 17 milioni di tonnellate inferiore rispetto all'anno scorso. Oltre a possibili ripercussioni sull'inflazione. Tanto per cambiare il prezzo lo pagheranno i consumatori. E non chi sostiene che per il clima mondiale è tutto come prima.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni