cerca

Amburgo, un G20 sotto alta tensione con Trump e la Corea del Nord

Previsto mini-summit su Pyongyang e primo incontro Usa-Russia

Amburgo (askanews) - Il G20 in programma il 7 e l'8 luglio ad Amburgo si preannuncia come un summit ad alta tensione: clima, commercio e sicurezza globali sono in cima all'agenda dei dissidi fra gli Stati Uniti di Donald Trump e il resto del gruppo dei 20 Paesi più industrializzati del mondo.

Come se non bastassero le tensioni interne, fuori dalla sede del summit sono previste fino a una trentina di manifestazioni di protesta che le autorità tedesche intendono scoraggiare schierando 20mila agenti in assetto antisommossa. I manifestanti promettono "l'inferno", secondo il loro slogan.

"Spero che riusciremo a superare un certo numero di scogli, anche se non so a cosa assomiglierà il risultato finale", ha commentato mercoledì la cancelliera tedesca Angela Merkel.

Al di là dei temi tradizionali del G20, i lavori del summit - senza l'Arabia Saudita che ha annullato la sua partecipazione - rischiano di essere appesantiti da una moltitudine di crisi. A cominciare da quella sul programma nucleare nord-coreano. Alla vigilia del vertice, in programma un mini-summit tra Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud sulla questione. Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping siederanno allo stesso tavolo durante il vertice, mentre Washington accusa Pechino di non esercitare abbastanza pressioni su Pyongyang e la Cina chiede in cambio agli Stati Uniti di cessare le loro esercitazioni militari in Corea del Sud.

Il G20 di Amburgo segnerà anche il primo incontro tra Donald Trump e Vladimir Putin. Gli Stati Uniti dicono di volere una relazione più "costruttiva" con la Russia. I rapporti tra le due potenze sono tuttavia molto sofferti a causa del rafforzamento delle sanzioni contro Mosca per il suo ruolo nella crisi ucraina e il suo sostegno al regime siriano.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni