cerca

PAURA IN FRANCIA

Marsiglia, furgone piomba sulle fermate del bus

Gli inquirenti: stiamo seguendo la pista del disturbo psichico

Disagio psichico e non terrorismo. La procura di Marsiglia non ritiene collegata al più ampio attacco islamista lanciato contro l'Europa la vicenda del furgone che ha investito deliberatamente due fermate di autobus, uccidendo una donna. Questo quanto dichiarato all'Afp dal procuratore capo della città portuale della Francia meridionale, spiegando che gli investigatori privilegiano la pista del disturbo psichico. Un 35enne al volante di un furgone bianco lanciato contro due pensiline di altrettante fermate d'autobus di Marsiglia ha ucciso una quarantenne nel quartiere de La Valentine ferendo un'altra persona in quello di Croix-Rouge. L'uomo, poi fermato nella zona del Porto vecchio, ha precedenti penali per reati comuni e soffre di disturbi psichici. Nulla al momento, dunque, fa supporre che si sia trattato di un atto di terrorismo, anche se le modalità ricordano sin troppo da vicino la strage sulle Ramblas di Barcellona avvenuta il 17 agosto scorso.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500