cerca

Cronache dalla Biennale, l'incertezza e l'ambiguità del Brasile

Il progetto "Campo di caccia" dell'artista Cinthia Marcelle

Venezia (askanews) - Un pavimento a grate inclinato, di chiaro stampo industriale, sul quale sono incastrati molti sassi comuni, gli stessi che si trovano nei Giardini della Biennale di Venezia. Siamo all'interno del padiglione nazionale del Brasile, che ospita il silenzioso e ambiguo progetto dell'artista Cinthia Marcelle, che rappresenta il Paese sudamericano alla 57esima Biennale d'Arte. Curata da Jochen Volz, "Terreno di caccia", questo il titolo dell'esposizione, presenta anche elementi scultorei e di pittura: diversi paletti di legno spuntano dal pavimento e ciascuno di essi sostiene un dipinto di stoffa, arrotolato sulla punta, come per nasconderlo, oppure per proiettarlo lontano, in un altrove forse migliore, chissà.

Verso altri luoghi si muovono anche gli uomini, che paiono essere dei detenuti, ma su questo non ci sono certezze, immortalati nell'unico video presente, che Marcelle ha realizzato con il cineasta Tiago Mata Machado. L'unica inquadratura vede questi uomini togliere tegole da un tetto, aprendo un varco nel quale potranno entrare e poi da lì prendere il volo. L'emozione dello spettatore potrebbe portarlo a pensare alle rivolte carcerarie, in Brasile, ma anche nel resto del mondo. Ma la mostra non offre alcun commento diretto a questi fatti.

Quello che conta, e che possiamo affermare con una relativa speranza di certezza, è che l'intero progetto del Padiglione brasiliano mira a mettere in primo piano l'instabilità, fisica e morale, che poi può innescare la ribellione. Di cui, forse, quei dipinti che sembrano bandiere fantasma rappresentano tanto i presupposti quanto i possibili esiti. Che restano avvolti nel mistero dei drappi ripiegati, mentre intorno il mondo che li circonda toglie punti di riferimento e scivola in una dimensione che ricorda la desolazione dello spazio quando viene degradato con noncurazna. Ma tutte queste potrebbero essere solo illazioni, frutto del senso di ambiguità e sospensione che si percepisce nelle sale del Padiglione.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500