cerca

Ferraris: da Terna piano quinquennale di 4 miliardi per il Paese

"In Italia oggi aspettativa di crescita degli investimenti"

Cernobbio (askanews) - I dati positivi del Pil diffondono ottimismo nelle imprese italiane. Al workshop Ambrosetti a Cernobbio si parla di crescita con fiducia. L'amministratore delegato di Terna, Luigi Ferraris, presente al forum economico, conferma questo trend anche per la società italiana della rete ad alta tensione che amministra. "Sicuramente abbiamo rilevato negli ultimi mesi una crescita molto importante anche nella domanda dell'energia elettrica, che sta crescendo intorno al 2 per cento - ha spiegato Ferraris - Questo vuol dire che anche al netto dell'effetto climatico, quindi dell'effetto legato al grande caldo che ha aumentato i consumi da parte dei clienti finali, abbiamo comunque una crescita della domanda che evidentemente è guidata dall'andamento dell'economia.

"Su base annua prevediamo un trend che si consolidi tra l'1 e il 2 per cento - ha aggiunto - Sicuramente quindi abbiamo dei dati positivi. Aggiungo un elemento importante per l'aria che si respira qui a Cernobbio è che c'è un'aspettativa di una crescita degli investimenti nei prossimi anni. Questo sicuramente dovrebbe contribuire a consolidare e a rendere più strutturale questo percorso positivo che si è manifestato in un aumento della domanda dell'energia elettrica".

"Terna - ha sottolineato Ferraris, parlando del contributo della società alla crescita dell'Italia - ha presentato un piano a inizio anno con 4 miliardi di euro di investimenti per il Paese. Stiamo lavorando al nostro interno per fare in modo di aumentare questa cifra e per assecondare delle esigenze e delle situazioni che richiedono interventi da parte di un operatore infrastrutturale come noi siamo: per esempio, la crescita continua delle rinnovabili, quindi la transizione energetica, impone anche degli adeguamenti della rete elettrica e in questa direzione valuteremo opzioni di investimento aggiuntive. La richiesta di una maggior attenzione all'ambiente come elemento che caratterizza la sostenibilità di un piano di investimenti, che noi poniamo al centro, la stiamo declinando secondo tre direttrici: la prima, portare avanti degli investimenti in un ottica di sostenibilità sistemica, cioè benefici da un punto di vista ambientale e benefici da un punto di vista economico, ossia per il costo dell'energia nel suo complesso. La seconda è sostenibilità realizzativa: nel momento in cui si effettuano delle opere sul territorio dobbiamo farci sempre più carico delle istanze che vengono dal territorio e cercare di renderle compatibili con un percorso di investimenti che si deve estrinsecare nel tempo soprattutto sulla base delle istanze che ci vengono dal territorio. Terzo punto, la sostenibilità nell'innovazione: vuol dire utilizzare tecnologie in grado di accompagnare la crescita delle rinnovabili.

"Questo comporta un aumento importante di numeri di immissioni di generatori della nostra rete. E quindi, gestione di dati e digitalizzazione. Anche per Terna - ha concluso - è fondamentale essere protagonista nella gestione di questa mole di dati investendo anche in digitalizzazione".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni