cerca

Cile, si allarga l'area marina protetta dell'isola di Pasqua

Il santuario della natura minacciato dall'uomo

La Serena (askanews) - 720 mila chilometri quadrati di area marina protetta. I Rapa Nui, popolazione dell'isola di Pasqua, hanno approvato in accordo col governo cileno l'estensione della area marina protetta che circonda la remota isola del Pacifico facendola diventare la più grande del Sud America.

"La comunità Rapa Nui ha votato per la creazione di questa area, oltre al parco sulla terra ferma ora l'area protetta riguarda anche il mare si tratta di un risultato storico" ha detto il ministro degli esteri cileno Heraldo Munoz.

L'area è considerata un vero santuario naturale per tonni, squali, pesci spada, mentre la barriera corallina garantisce la sopravvivenza di numerose specie marine a rischio estinzione.

"E' il risultato di un lungo lavoro, ma la lotta va avanti e noi continueremo a dire no alla pesca illegale, no alla pesca industriale nelle nostre acqua no alle miniere. Vogliamo diventare un esempio internenzionale" ha aggiunto Poki Tane Haoa rappresentante dei Rapa Nui.

Il fragile eco-sistema dell'isola di Pasqua è minacciato dalla pesca selvaggia, dai flussi turistici e dall'arrivo di specie invasive e ovviamente anche dal riscaldamento climatico e dell'innalzamento della temperatura dell'oceano.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500