cerca

Harvard caccia Chelsea Manning dopo la rivolta della Cia

Doveva partecipare a incontri con gli studenti da docente ospite

New York (askanews) - Prima l'invito, poi la rivolta e infine il passo indietro. Harvard è stata attaccata dalla Cia per aver invitato alla sua scuola politica Chelsea Manning, l'ex analista dell'intelligence statunitense in carcere per 7 anni per aver passato migliaia di documenti riservati a Wikileaks. Manning era stata nominata "visiting fellow", una sorta di docente ospite, e avrebbe dovuto partecipare ad una serie di conferenze e incontri con gli studenti per parlare di attualità.

Mossa che non è piaciuta alla Cia: il direttore Mike Pompeo ha annullato un suo intervento con una nota in cui ha chiamato Manning "traditrice americana", mentre l'ex direttore Cia Morell di è dimesso dal suo incarico ad Harvard.

Così la retromarcia: la nomina di Manning è stata revocata - "è stato un errore", hanno detto - con qualche scusa e l'invito a voler partecipare comunque ad un incontro, ma senza alcun titolo.

"Sono onorata di essere la prima donna trans disinvitata come visiting fellow di Harvard - ha commentato Manning via Twitter - Smorzano le voci emarginate sotto la pressione della Cia".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500