cerca

Apre the MICAM, eccellenze calzaturiere per sostenere la ripresa

La fiera nel polo di Rho, all'inaugurazione il premier Gentiloni

Milano (askanews) - E' un settore in ripresa quello della calzatura e sotto questi auspici moderatamente positivi dopo un lungo periodo di crisi si è aperta nel polo fieristico di Rho l'84esima edizione di the MICAM, l'evento di Fiera Milano che quest'anno presenta 1.441 imprese e che continua a puntare sulla produzione d'eccellenza. Ospite d'onore all'inaugurazione, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che ha voluto rendere omaggio alla tradizione calzaturiera italiana.

"Tenere assieme radici locali - ha detto il premier dal palco - capacità artigianali, cultura, innovazione, marketing, la radice con il futuro. Questo incrocio, che è tipico di moltissime delle nostre aziende di questo settore è quello che noi dobbiamo coltivare".

La presidente di Assocalzaturifici, Annarita Pilotti, ha sottolineato l'importanza della presenza del governo, ribadendo come una politica industriale di sostegno al comparto sia indispensabile.

"E' un settore che sta riprendendo e questa presenza del presidente Gentiloni ci ha dato forza e anche una spinta. Ci sono tante piccole e medie imprese che vengono qui, raccolgono ordini, vanno a casa e cominciano a ordinare tutti i vari componenti, per mettersi in moto e ripartire".

I numeri parlano di una produzione che cresce dell'1% in volume e del 3% in valore, grazie soprattutto all'export, dove si registra il recupero dell'area che fa riferimento alla Russia. Ma the MICAM è soprattutto il luogo dove è possibile incontrare storie di aziende medio-piccole che rappresentano nei fatti la spina dorsale di un settore che ambisce all'eccellenza.

Come per esempio la Fratelli Borgioli di Vinci in provincia di Firenze, rappresentata da Urbano Borgioli.

"Cerchiamo di fare il prodotto sempre come va fatto - ci ha spiegato - tutto cucito, con suole e tacchi in cuoio, tutto artigianale. E in questo modo nel nostro piccolo si affronta anche il mondo internazionale".

Sulla stessa lunghezza d'onda anche Sara Galli, rappresentante del Calzaturificio Brunate di Lomazzo, in provincia di Como.

"Essere al MICAM - ci ha detto - vuol dire aprirsi a un mercato internazionale, europeo e nazionale. Quindi vuol dire far vedere la propria collezione, quindi lo sforzo di tutta la struttura, di tutta l'azienda calzaturiera che c'è dietro, nel costruire la collezione che viene qui presentata e verrà venduta nei negozi la prossima primavera-estate".

Anche quest'anno, comunque, a the MICAM hanno scelto di partecipare anche i big internazionali, e ai nomi che già un anno fa erano tornati in fiera, come Prada, Ferragamo, Fendi, Tod's e Gucci, se ne aggiungono ora di altrettanto importanti.

"Quest'anno - ha concluso la presidente Pilotti - abbiamo i nuovi che sono entrati, come Dolce e Gabbana, come Zegna, come Sergio Rossi, Philippe Plein, Armani... Sono grandi nomi e quindi grande per me è la soddisfazione, soprattutto del mio team".

Per quattro giorni la fiera di Rho è quindi al centro del mondo della calzatura, tassello importante sia nel sistema della moda sia nel contesto complessivo di un settore manifatturiero in cerca di una nuova stagione di sviluppo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500