cerca

Mattarella ai magistrati in tirocinio: toga non è abito di scena

L'interpretazione della legge non può mai esprimere arbitrio

Roma (askanews) - Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha incontrato al Quirinale, alla presenza tra gli altri del ministro della Giustizia Andrea Orlando, i magistrati ordinari in tirocinio ai quali ha ricordato il delicato confine da rispettare tra l'interpretazione della legge e la creazione arbitraria della regola. Una missione riassunta nella toga dei magistrati.

"L'interpretazione della legge, la scelta adottata, non può mai esprimere arbitrio. È sempre la norma a delineare, perimetrandolo, l'ambito di riferimento dello 'ius dicere'. In questa prospettiva si coglie il significato della toga che indosserete" ha sottolineato Mattarella. "Non è un abito di scena, non si tratta di un simbolo ridondante o soltanto frutto di tradizione. Rappresenta invece il senso della funzione che vi apprestate a svolgere".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500