cerca

DISASTRO AMBIENTALE

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Centinaia di dispersi e scuole chiuse: "Aria inquinata come a Pechino"

È salito ad almeno 31 morti il bilancio dei devastanti roghi che hanno divorato 700 km quadrati nella California settentrionale, specialmente nella Napa Valley, la regione vitinicola più importante e prestigiosa degli Stati Uniti. Centinaia di persone, inoltre, risultano disperse mentre i vigili del fuoco sono ancora impegnati nel tentativo di domare le fiamme. È un evento critico e catastrofico, ha spiegato ai giornalisti il comandante dei vigili del fuoco della California, Ken Pimlott: "Non saremo fuori dai boschi ancora per molti giorni", ha aggiunto.

La contea più colpita è quella di Sonoma: interi quartieri sono andati in fumo nel capoluogo Santa Rosa, città di 175mila abitanti. Nella contea ci sono circa 200 dispersi, ma secondo l'ufficio dello sceriffo molti di loro verranno alla fine rintracciati. Il presidente Donald Trump ha dichiarato lo stato di catastrofe in California, consentendo lo sblocco immediato dei fondi federali mentre il governatore Jerry Brown ha dichiarato lo stato d'emergenza in otto contee. Da segnalare, infine, che i forti venti che avevano alimentato le fiamme si sono affievoliti nelle ultime ore e si spera che a breve possano placarsi del tutto.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni