cerca

Clima, cibo, migrazioni:scienza e politica a confronto su scenari

Ai Lincei convegno Cnr con presidente del Consiglio Gentiloni

Roma, (askanews) - L'impatto del cambiamento climatico sulla biodiversità e sull'agricoltura, le emergenze legate alla sicurezza alimentare, le conseguenti migrazioni che coinvolgono sempre più le popolazioni dell'Africa e la regione del Mediterraneo. Questi i temi portanti su cui scienza e politica si sono confrontate nel convegno "Clima, agricoltura, migrazioni: risultati scientifici e scenari possibili", organizzato ai Lincei dal Cnr con la Presidenza del Consiglio in preparazione della Giornata mondiale dell'alimentazione organizzata dalla Fao a Roma.

Questioni da tempo all'attenzione del mondo scientifico, come spiega il presidente del Cnr Massimo Inguscio: "Il contributo della scienza allo studio e alla mitigazione dei cambiamenti climatici è come sempre fondamentale, anche perché dà certezze, magari con senso di dubbio, ma evita pregiudizi". "Ora - ha sottolineato Inguscio - i cambiamenti climatici sono di un'importanza tale da avere un impatto sociale su scala planetaria importantissimo, come sull'agricoltura, quindi sul problema di come si dà cibo a tutto il mondo e sulle migrazioni". "Se vuole - conclude il presidente del Cnr - lo scopo di questo convegno è di dare la scienza supporto alla politica e la politica supporto alla scienza per far sì che gli accordi di Parigi si continuino a mantenere, a sviluppare e a garantire".

Sullo stretto legame tra clima, agricoltura e migrazioni si è soffermato anche il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che, nel corso del suo intervento, ha anche sottolineato il ruolo centrale della scienza: "Puntare su modelli di sviluppo sostenibili in agricoltura, che vuol dire puntare sull'agricoltura familiare modernizzandola, sulla riforestazione, sull'empowerment femminile, sul dinamismo che l'agricoltura può avere nei Paesi meno avanzati è la premessa indispensabile se vogliamo lavorare per la sicurezza alimentare e anche se vogliamo contribuire a contenere le spinte migratorie, soprattutto quelle interne".

"Per lavorare in questa direzione (di qui l'importanza dell'incontro di oggi e il ringraziamento ai Lincei e al Cnr), il ruolo della scienza - ha sottolineato Gentiloni - è fondamentale".

Dopo una prima sessione dedicata a studi e ricerche, il confronto tra scienza e politica si è focalizzato sulle possibili strategie da mettere in campo, in una tavola rotonda coordinata da Francesco Rutelli (Centro per un Futuro Sostenibile), per il quale ci sono alcuni segnali positivi:

"Da 3 anni cresce lo sviluppo economico, il Pil globale, ma non crescono le emissioni. Questo vuol dire che abbiamo cominciato la lenta discesa verso la sostenibilità".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni