cerca

Il passeggero 2.0 sarà sempre più connesso e protetto

Sita presenta le nuove strategie di cybersecurity e connettività

Amburgo (askanews) - La rivoluzione digitale sta rapidamente cambiando il modo di viaggiare di tutti noi. Oggi il 97% dei passeggeri porta con sé uno smartphone o un tablet e lo usa in buona parte dell organizzazione del proprio viaggio; dalla ricerca della destinazione, all acquisto dei biglietti, fino all imbarco o per trovare il negozio che cerca. Non solo, se nel 2016 il 37% delle compagnie ha operato aerei cosiddetti connessi - che offrono ai passeggeri connessioni wireless per navigare su internet e mandare mail e messaggi anche ad alta quota - si calcola che entro il 2025 più del 50% dei velivoli offrirà questa possibilità. Volare connessi, usare app dedicate per accedere a servizi essenziali prima durante e dopo il viaggio, garantirà non solo una maggiore soddisfazione per i passeggeri ma anche vantaggi per gli equipaggi e gli aeroplani nonché risparmi per le stesse compagnie aeree.

Di tutto questo si è parlato ad Amburgo, in Germania, nel corso dell Euro Air Trasport IT Summit, dedicato agli operatori del settore e organizzato da Sita, azienda leader nel settore della digitalizzazione del trasporto aereo. Focus principale, come ha ribadito il presidente per l'Europa di Sita, Sergio Colella, è la cybersecurity che rappresenta la priorità numero uno per gli investimenti, con una stima di almeno 33 miliardi di dollari entro la fine del 2017. Nel solo 2016 i cyber crimini hanno rappresentato, per l'economia mondiale, un costo di quasi 450 miliardi di dollari.

"La sicurezza è un elemento fondamentale da sempre nel settore dell aviazione e ora anche la cybersecurity è importante - ha spiegato - si calcola che in media ci siano un migliaio di cyber attacchi al mese nel nostro settore. Sita investe molto in questo campo, abbiamo una joint venture con Airbus nella quale proponiamo servizi per le compagnie aeree e per gli aeroporti di management per tutti i processi di sicurezza e rimane un elemento su cui avere un focus particolare per garantire nel tempo al passeggero un viaggio che sia sicuro sotto tutti i punti di vista, compresa la sicurezza dei dati personali del passeggero".

Cinque le aree tematiche su cui, secondo Sita e gli altri operatori del settore, è necessario intervenire per migliorare l'esperienza di viaggio dei turisti. Oltre alla cybersecurity e la connettività di aerei e passeggeri, l'internet delle cose (Iot) ad esempio per tracciare e avere un feedback costante sull imbarco e la consegna corretta dei bagagli, i controlli biometrici come il riconoscimento facciale per facilitare i controlli di sicurezza ed evitare file ai check-in e, soprattutto, un uso maggiore dell Intelligenza artificiale, per esempio tramite i chat bot, per supportare i customer service e far sì che il passeggero sia letteralmente accompagnato per mano da un assistente virtuale in ogni fase del proprio viaggio.

"Io sono un convinto sostenitore dell AI - ha concluso Colella - come elemento di interfaccia intelligenza verso il passeggero che gli permetta di avere una connessione fluida e competente su quello che vuole sapere e vuole fare e lo accompagna in maniera fluida nel suo viaggio".

Tutto questo non è fantascienza ma esiste già. In molti aeroporti, fra cui Roma, Napoli, Bologna, Dortmund e Nizza, ci sono strumenti come i lettori ottici per il riconoscimento facciale, beacon che danno ai passeggeri informazioni in tempo reale e personalizzata sul proprio volo oppure check-in robot mobili con i quali è possibile registrarsi per l imbarco in qualunque punto dell aeroporto. Tutto questo porterà,nell arco dei prossimi 10 anni a un modo di viaggiare completamente nuovo e di certo più sicuro.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500