cerca

Ermitage, 100 anni dell'Ottobre rosso: la Rivoluzione iniziò qui

Il racconto di Tatyana Alexandrova, guida di San Pietroburgo

San Pietroburgo (askanews) - Oggi ci sono migliaia di turisti ogni giorno, ma cento anni fa, da queste sontuose stanze, è passata la Rivoluzione rossa. Il museo Ermitage, uno dei luoghi più interessanti e magici di San Pietroburgo, con all'interno una delle collezioni più preziose, è il luogo chiave degli eventi dell'Ottobre. Da qui - dove ai giorni nostri ai visitatori si mostrano le opere di Raffaello, Leonardo e Canova dal valore inestimabile - nel 1917 è partita la Rivoluzione. A raccontarci come, Tatyana Alexandrova, una delle migliori guide di San Pietroburgo.

"Il 16 dicembre 1916 - spiega - fu ucciso Rasputin che diceva: se succede qualcosa a me, finisce la dinastia Romanov. Nel febbraio del 1917 si svolge la rivoluzione democratica borghese. Un governo provvisorio prese il potere e fu il primo e ultimo governo borghese in Russia: era composto da ministri e intellettuali. Loro si preoccuparono di portare fuori da Pietrogrado le opere d arte. Il marxista Lenin si trovava all'estero. Ha vissuto a Capri, Parigi e poi quando ha saputo che qua si svolgeva la rivoluzione democratica borghese, ha deciso di tornare. Tornò nell'aprile del 1917. Dal treno è passato subito al carro armato, e ha pronunciato il discorso: dobbiamo fare il trasferimento dalla rivoluzione democratica borghese alla rivoluzione socialista. Nell'ottobre 1917, sei mesi dopo, si svolse qua la rivoluzione plebea guidata da un avvocato".

"Lenin subito disse: non prendete niente, non toccate niente. Metteva una guardia di qua, due guardie di là. Non distruggete niente, tutto sarà di tutti".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500