cerca

"Regolare alternative al fumo come prodotto sicuro"

Clive Bates (Counterfactual): non rendere accesso difficile

Roma, (askanews) - Clive Bates è un avvocato britannico, già direttore di Action on Smoking Health, un ente focalizzato sulla riduzione dei danni derivanti dal tabacco; successivamente consigliere del governo britannico con Tony Blair, Bates ora è direttore di Counterfactual, una società finalizzata a un approccio pragmatico a temi come, fra l'altro, la salute pubblica. Con lui abbiamo parlato, a Washington, a margine di un convegno della Fda sulle politiche riguardanti il tabacco.

Mr Bates, i prodotti cosiddetti alternativi, come le sigarette elettroniche, o l'I Qos della Philip Morris, possono essere considerati affidabili?

"Se i consumatori decidono di rivolgersi a prodotti come le sigarette elettroniche o a tabacco riscaldato, eliminano quasi tutti i rischi derivanti dal fumo. Infatti la maggior parte dei rischi deriva dai residui della combustione, non dalla nicotina; dare una via di uscita soddisfacente ai consumatori significa eliminare gran parte dei rischi".

Cosa si deve allora fare a livello regolatorio e legislativo?

"Dal punto di vista regolatorio si deve assicurare che i prodotti immessi sul mercato siano sicuri, che i consumatori possano comprendere cosa stanno usando e così via.. Quello che non si deve fare è regolare il settore come se si trattasse di farmaci o rendendo difficile l'accesso al mercato di tali prodotti. Così facendo, il rischio vero è che si protegga il commercio delle sigarette, e questo sarebbe sbagliato".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500