cerca

"Per entrare in Boeing ho usato la mia intelligenza emotiva"

Parla Ehteshamnia, responsabile data management dell'azienda

Roma, (askanews) - "Penso che l'intelligenza emotiva abbia svolto un ruolo cruciale per me e per candidarmi a un lavoro in Boeing. Mi ha fornito le capacità che una azienda internazionale chiede per il mio lavoro. A parte le capacità tecniche, che si possono imparare una volta entrati in azienda, ci sono le capacità emotive, le 'soft skills', che hanno bisogno di una lunga preparazione, anche culturali, e che riguardano come sviluppi te stesso. Credo che viaggiando, incontrando altre culture, stando all'estero mi ha fornito quello che era necessario per dare un po' creatività extra in un ruolo che altrimenti sarebbe stato piuttosto tecnico. Penso che l'intelligenza emotiva svolga un ruolo davvero enorme": lo ha affermato Arwin Ehteshamnia, responsabile Data Management e Data Analytics del team internazional Global Staffing di Boeing, a margine della tavola rotonda "Studenti oggi, professionisti domani. Il valore dell'intelligenza emotiva" che si è svolto alla sede LUISS Business School di Villa Blanc a Roma.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500