cerca

Sanità: le quattro mosse per evitare la "catastrofe di Barnet"

La Fondazione Iseni riunisce a Saint Vincent 200 cardiologi

Milano (askanews) -La maggior parte dei Paesi industrializzati dovrà a breve affrontare la crisi della sanità pubblica. La popolazione infatti sta invecchiando, vive più a lungo, ma è anche sempre più afflitta da patologie croniche che drenano via via risorse economiche crescenti fino al collasso del sistema di assistenza. E' la "catastrofe di Barnet" dal nome della cittadina inglese utilizzata per elaborare il modello matematico che incrocia invecchiamento della popolazione, patologie e spesa sanitaria.

Nel corso de "Le giornale cardiologiche" - organizzate a Saint Vincent dalla Fondazione Iseni di Lonate Pozzolo - oltre 200 cardiologi si sono confrontati su come e se è evitabile la "catastrofe di Barnet".

"Sicuramente è evitabile, e lo è attraverso il supporto dei medici che sono qui riuniti, che insieme possono fare attività di prevenzione per il cittadino che soffre", sottolinea Fabrizio Iseni, presidente della Fondazione Iseni di Lonate Pozzolo.

Quattro i pilastri della strategia per evitare la catastrofe: curare l'alimentazione fin da piccoli; attività fisica; conoscenza del paziente; uso dell'alta tecnologia. Quattro pilastri cementati in una piattaforma di raccordo: la prevenzione, come spiega Andrea Macchi, direttore generale degli Istituti di ricovero e cura Gruppo Iseni Sanità.

"Approfondiamo i quattro elementi. Curare l'alimentazione fin da piccoli vuol dire prevenire tutte le malattia metaboliche, pensiamo alla piaga dell'obesità e del diabete tipo 2. L'attività fisica serve al momento, ma soprattutto serve alla terza e alla quarta età: potersi mantenere con la capacità di mobilizzarsi e riuscire a raggiungere una toilette in età avanzata è una grande cosa e questo lo possiamo ottenere con un grosso allenamento. Tre, abbiamo detto una prevenzione con gli screening, ma mirati, sempre guidati dalla clinica. Se non conosciamo il nostro paziente tutti i check-up sparati nel mucchio non porteranno a nulla. Da ultimo l'alta tecnologia: esami di alta qualità presto, per trovare la patologia, se c'è, alla sua insorgenza e cambiarne il corso".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500