cerca

Addio procuratori, il futuro è degli intermediari sportivi

Avv. Scaccabarozzi: dopo riforma Fifa ora serve formazione

Roma, (askanews) - La rivoluzione Fifa, avviata nel 2015, è entrata nel vivo e sta già cambiando il mondo del calcio: la figura dell'intermediario sportivo è destinata sempre di più a prendere il posto del 'vecchio' procuratore sportivo che nell'immaginario degli appassionati di calcio evoca personaggi scoppiettanti come Mino Raiola o, guardando al passato, a Luciano Moggi. "La riforma Fifa del 2015 - spiega l'avvocato Maurizio Maria Scaccabarozzi - ha aperto una nuova era avviando in questo settore una vera e propria deregulation" con la esigenza di una formazione per i nuovi professionisti del pallone che oltre a sostituire i tradizionali procuratori dovranno saper offrire servizi sempre più complessi ai loro clienti, i calciatori professionisti che militano nei club di serie A e B. "Non solo consulenza legale ma anche consulenza sulla gestione dell'immagine e consulenza sportiva", sottolinea Scaccabarozzi. Ogni scelta va meditata per evitare errori che possono costare molto cari dal punto di vista economico e della stessa carriera dei calciatori professionisti.

Da qui l'idea di un percorso di formazione destinato ai dirigenti sportivi, ai procuratori, consulenti, segretari di federazione, atleti e a tutti gli attori del mondo del calcio. Due giorni di formazione - spiega l'avvocato Scaccabarozzi, in programma il prossimo 27 e 28 novembre alla LUISS Business School (Villa Blanc, via Nomentana 216 Roma) con una tavola rotonda alla quale parteciperanno esponenti noti del mondo del calcio professionistico.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500