cerca

Migranti, donne morte a Salerno: fermati due presunti scafisti

Si tratta di un cittadino libico e di un egiziano di 30 e 22 anni

Salerno (askanews) - La Procura di Salerno avrebbe individuato e fermato due presunti scafisti coinvolti nella strage delle 26 giovani donne nigeriane, i cui cadaveri sono arrivati domenica 5 novembre a Salerno, a bordo della nave spagnola Cantabria, sulla quale c'erano altri 375 migranti. Si tratta di un libico e di un egiziano, di 30 e 22 anni.

Gli inquirenti, intanto, hanno disposto l'autopsia sui corpi delle vittime, tutte tra i 14 e i 18 anni.

Le donne molto probabilmente sono morte durante la traversata in gommone dal Nordafrica verso l'Italia. La Procura indaga per omicidio plurimo e sembrerebbe esclusa, almeno per ora, l'ipotesi di una tratta di donne finalizzata allo sfruttamento della prostituzione, come aveva detto, sin dai primi momenti, il prefetto di Salerno, Salvatore Malfi.

Dei 375 migranti a bordo, tra cui anche bambini e 9 donne in gravidanza, in discrete condizioni di salute, 72 sono stati sistemati in centri d'accoglienza campani, gli altri trasferiti in altre regioni.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni