cerca

Saad Hariri all'Eliseo, incontro e pranzo con Macron

Il premier libanese arrivato da Riad, mercoledì torna a Beirut

Parigi (askanews) - Il premier dimissionario libanese, Saad Hariri è stato accolto all'Eliseo dal presidente francese Emmanuel Macron, che gli ha riservato gli onori della Guardia Repubblicana, a sottolineare che per la Francia non si tratta di un premier decaduto, ma ancora in carica.

Il 4 novembre 2017, l'annuncio delle sue dimissioni, aveva innescato le accuse che fosse trattenuto nel Paese contro la sua volontà.

Ex potenza del Libano, la Francia ha agito da mediatrice per la crisi generata dalle dismissioni di Hariri e ha invitato a Parigi il premier con i familiari "per qualche giorno", proprio per uscire dallo stallo.

Una soluzione accettata da Hariri con l'accordo dei responsabili sauditi. Dopo il colloquio, Macron e Hariri sono stati raggiunti dalla famiglia del premier libanese, protagonista di un misterioso soggiorno a Riad, da dove ha annunciato le sue dimissioni (al momento non accettate dal presidente Michel Aoun). Il capo dell'esecutivo libanese ha fatto sapere rientrerà a Beirut il 22 novembre 2017, per la Festa dell'Indipendenza del Paese.

"Per quanto riguarda la situazione politica in Libano - ha detto - nei prossimi giorni andrò a Beirut e prenderò parte alla celebrazione della nostra indipendenza ed è lì che annuncerò la mia posizione su tutti i temi da mantenere con il presidente della nostra Repubblica, il generale Michel Aoun".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500