cerca

Tavecchio: mi sono dimesso per un atto politico, non sportivo

La mia componente, dopo 18 anni, non mi sosteneva

Roma, (askanews) - "Quando oggi ho avuto la sensazione che la mia componente, nella quale da 18 anni milito, che ho trovato in una certa maniera e consegnato in un'altra, ha fatto considerazioni che non promettevano un sostegno, non ho pensato un istante, mi sono dimesso e ho chiesto le dimissioni al consiglio per un atto politico, non certamente per un atto sportivo". Così Carlo Tavecchio, in conferenza stampa, ha annunciato le sue dimissioni.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni