cerca

Myanmar e Bangladesh: accordo su rimpatrio Rohingya entro 2 mesi

Intesa dopo colloqui tra Aung San Suu Kyi e il governo di Dacca

Dacca (askanews) - Il Bangladesh e il Myanmar hanno raggiunto un accordo per avviare il rimpatrio, entro due mesi, dei rifugiati Rohingya, L'intesa arriva alla fine dell'incontro tra il ministro degli Esteri del Bangladesh, Mahmood Ali e la leader birmana, il premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, avvenuto a Naypyidaw, la capitale politica birmana.

Oltre 620mila Rohingya si sono rifugiati in Bangladesh da agosto 2017, a seguito di una repressione dell'esercito del Myanmar; sono fuggiti dallo stato di Rakhine, dove le forze di sicurezza birmane hanno dato fuoco alle case, ucciso e stuprato, in quella che le stesse Nazioni Unite hanno definito una vera e propria "operazione di pulizia etnica".

Dopo settimane di accese controversie sui termini del rimpatrio, giocate sulla pelle dei profughi, fra cui migliaia di donne e bambini, i 2 governi hanno messo nero su bianco l'accordo. Dacca ha riferito anche che sarà formato un gruppo di lavoro entro tre settimane, per concordare i dettagli dei rimpatri.

In una breve comunicazione alla stampa, il ministro Mahmood Ali, ha sottolineato che si tratta di "un passo iniziale" e che è importante "iniziare presto a lavorare".

Resta da capire quanti Rohingya saranno autorizzati a rientrare e quanto durerà il processo di rimpatrio.

Nei giorni precedenti all'incontro, anche l'Alto Rappresentante dell'Unione europea per gli Affari esteri e la Sicurezza, Federica Mogherini, dopo aver visitato i campi profughi in Bangladesh, aveva incontrato Aung San Suu Kyi definendo "estremamente incoraggiante" il colloquio per una positiva soluzione della vicenda.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni