cerca

Il Canzoniere Grecanico Salentino arriva a Roma il 3 dicembre

Durante: recuperiamo l'antico, come faceva "Lu Giustacofane"

Roma, (askanews) - Ispirarsi alla tradizione e alle proprie profonde radici culturali, ma aprendosi al mondo e alla novità: è questo lo spirito della ricerca musicale del Canzoniere Grecanico Salentino, che il 3 dicembre sarà a Roma all'Auditorium Parco della Musica nell'ambito di un tour nelle città d'Italia e d'Europa per presentare il suo nuovo album "Canzoniere", scritto in gran parte in America in collaborazione con autori e produttori attivi a New York. Proprio uno dei brani di Canzoniere - Lu Giustacofane - allude al rapporto con il passato, come ci spiega Mauro Durante, leader del gruppo salentino.

"Lu Giustacofane era un antico mestiere: persone che passavano di paese in paese, casa per casa, cantando e gridando per sapere se ci fosse qualche oggetto da aggiustare, come le anfore o le cofane o comunque altre piccole lavorazioni. Giravano col ferro filato, martello e altri attrezzi semplici. Per noi il suo invito e il suo esempio è un simbolo che può significare il fatto di dover aggiustare ancora oggi le relazioni il rapporto con la propria terra e usare le mani per riparare quello che va sistemato anziché gettarlo via".

Lu Giustacofane, scritta da Durante e nata dalla collaborazione musicale con Scott Jacoby, si apre con la voce di Gino Greco, una registrazione etnografica. Valorizzare quindi e recuperare le proprie radici culturali. E a Durante abbiamo chiesto: si può riparare una cultura? "Si possono sopportare i colpi che la vita dà ad alcuni sistemi culturali ed economici, e difendere quello che realmente conta".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500