cerca

Polmonite, gli over 65 sono i soggetti più a rischio

Una ricerca sulla percezione e sulla prevenzione della malattia

Milano (askanews) - In Italia si registrano 9mila decessi all'anno per polmonite. Un'incidenza tre volte maggiore delle morti in strada e pari a 33 volte il numero dei decessi causati dall'influenza. Nonostante questo impatto significativo sulla mortalità la polmonite non è percepita come una malattia pericolosa, tanto meno tra gli over 65 che rappresentano il 96 per cento delle persone colpite. Lo dice una ricerca condotta da Astraricerche, secondo la quale gli anziani di oggi, spesso nonni super moderni, figure ormai fondamentali nel tessuto sociale, sono sicuramente più informati sulla polmonite rispetto a quanto emerso in una analisi di due anni fa. "Che la polmonite non sia pericolosa è una falsa convinzione legata all'idea che essendoci la terapia non si muore", ha spiegato Francesco Blasi, responsabilie dell'unità operativa di Broncopneumologia presso l'Irccs Fondazione Ospedale Maggiore Policlinico Cà Granda di Milano. Ma per quale ragione la polmonite colpisce soprattutto gli over 65? "La polmonite sicuramente è più frequente nei soggetti anziani - ha spiegato -

Il soggetto anziano è a rischio perchè ha una risposta immunitaria alterata, legata all'età. E' quella che si chiama l'immunosenescenza. In più ci sono dei problemi collaterali legati alle malattie del soggetto anziano. Il soggetto anziano è più a rischio di sviluppare la polmonite ed è più a rischio di morire a causa della polmonite".

Tra sottostime e falsi miti sulla prevenzione il rischio di ammalarsi è concreto. Ma solo un anziano su 10 pensa di poter contrarre la malattia. E se lo stile di vita e le norme di igiene sono importanti, quali sono le attività di prevenzione più efficaci contro la polmonite? "Noi abbiamo a disposizione due vaccinazioni fondamentali - ha sottolineato Blasi -La vaccinazione antinfluenzale e la vaccinazione antipneumococc, che è la vaccinazione contro lo streptococco pneumoniae, che è il principe delle polmoniti causando circa il 40 per cento di tutte le polmoniti. Soggetti a rischio e soggetti anziani devono vaccinarsi per l'influenza e contro lo pneumococco".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni