cerca

Gentiloni a Davos: no alle posizioni protezionistiche

Altrimenti facciamo solo male alla nostra economia

Davos, (askanews) - "Io penso - ha infine spiegato il presidente del Consiglio - che una parte dei numeri positivi dell'economia globale che qui stiamo registrando deriva dai principi del libero commercio, del libero cambio, dalle forme di unione che abbiamo noi in Europa. Bisogna are molta attenzione che non ci sia una rincorsa di posizioni protezionistiche e contrarie al libero commercio, perché alla unga creerebbero enormi problemi economici per tutti".

Anche se "è legittimo che ogni Paese dica 'il mio Paese prima'", per il capo del Governo "la difesa di alcuni settori di mercato è doverosa in un mondo competitivo e certamente anche noi in Italia o facciamo. Ma è molto diverso difendere alcuni settori che possono essere minacciati dalla competizione sleale dal mettere in discussione la crescita che è basata sui trattati internazionali, sul libero scambio. Facciamo solo del male alla

nostra economia, anche animati dalla volontà di proteggerla", ha concluso Gentiloni.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni