cerca

La nuova transumanza, fra economia, cultura e turismo

Un volume analizza il ritorno di questa antica pratica

Roma, (askanews) - Un tuffo nel passato per far emergere opportunità future. La pratica antichissima della transumanza, abbandonata perché non più redditizia, torna di attualità in alcune regioni, proprio perché parte della loro storia ed identità, trasformandosi in risorsa economica, culturale e turistica. A questi "Cammini di uomini, cammini di animali", è stata dedicata un'articolata ricerca interdisciplinare, nel volume a cura di Katia Ballacchino e Letizia Bindi, presentato a Roma (nella splendida Sala della Crociera) al Ministero dei Beni Culturali e Ambientali.

Oltre alla rievocazione di paesaggi bucolici e pratiche antiche, l'obiettivo, spiega Fabio Pilla, dell'Università degli studi del Molise e direttore del Centro di ricerca BIOCULT è anche quello più concreto di promuovere un turismo sostenibile.

"In particolare per il Molise può significare molto, perche è una zona d'Italia che è stata particolarmente segnata anche nel paesaggio, dall'essere attraversata da questi tratturi, per la possibilità anche di utilizzare questa pratica particolare come elemento di attrazione turistica, di tipo nuovo, non di massa, di nicchia".

Alla fine della scorsa estate le greggi di un pastore molisano sono scese dai monti del Matese per tornare ad attraversare lo straordinario sito archeologico di Altilia/Sepino, accompagnate da una grande partecipazione, racconta l'etnografa curatrice del volume Letizia Bindi:

"Questa è un'iniziativa che abbiamo molto voluto e che è il risultato di una proficua e profonda cooperazione con i protagonisti di questa pratica sul territorio", spiega Letizia Bindi, docente di etnografia visiva e curatrice del volume.

"Credo che questa sia un'esperienza che mette in luce l'importanza della valorizzazione dei protagonisti e dà rilievo alla crucialità delle persone che sono state da sempre sui territori perché impone di tenerle in considerazione come soggetti animatori di queste iniziative,

di farne il punto di partenza per un recupero complessivo dei loro saperi, del loro sistema di conoscenze, ciò che diventa utile per un recupero positivo verso il futuro, di biodiveersità, di scoperta delle specificità delle razze ovine e bovine, ma anche per il recupero della biodiversità vegetale che si legava a questo tipo di pratica".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500