cerca

vip e solidarietà

La missione in Birmania di Beppe Convertini raccontata in una mostra

L'attore testimonial del progetto dedicato ai bambini

L’esposizione, allestita presso la Sala Espositiva N3 della Regione Lombardia fino al 14 novembre 2018, racconta tutto. Le immagini, i sorrisi dei bambini catturati dall’obiettivo fotografico, si commentano da sé. Gli scatti fotografici sono stati realizzati in Myanmar da Beppe Convertini, che racconta: «È un dovere morale per chi fa il mio lavoro mettere a disposizione la propria popolarità per chi ha più bisogno. Io ho perso mio papà a 17 anni per un cancro ai polmoni e ogni sera alcuni medici volontari venivano a casa prendendosi cura di mio padre. Lui aveva tra le varie metastasi una  esterna sul viso e tutte le sere loro tamponavano la fuoriuscita di sangue e lo sostenevano moralmente. Tutto ciò lo facevano gratuitamente e questo mi ha spinto ad essere davvero disponibile per il prossimo. Così mi sono speso personalmente sul campo come in questo caso in Myanmar». 

La mostra s’intitola: “La loro vita non è un gioco. Acqua, salute e istruzione per i bambini del Myanmar”. Nel 2017 la fondazione Terre des Hommes Italia è stata presente in 22 paesi, tra cui il Myanmar, con 131 progetti di aiuto umanitario d’emergenza e cooperazione internazionale allo sviluppo: ne hanno beneficiato direttamente oltre 2,2 milioni di persone, in maggioranza bambini.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500