cerca

furia al grande fratello

Urla e sberle, la De Andrè perde definitivamente la testa

Cosa è successo la notte della semifinale nella Casa del GF

La furia di Francesca De Andrè si abbatte su Gennaro Lillio peggio di un tornado in Kansas: “Uomo di me**a, hai le pa**e come due arachidi”. Poi perde completamente la testa, gli dà uno schiaffo sulle mani e minaccia la produzione: “Aprite la porta, voglio uscire”. E Gennaro chiede provvedimenti contro Francesca.

Durante la semifinale del Grande Fratello, Gennaro e Francesca hanno litigato per la presunta gelosia di lei verso Taylor Mega. La De Andrè si è lamentata con il modello napoletano: “Hai fatto credere che ero gelosa e invidiosa di Taylor. Mi hanno massacrato e sei stato zitto. Da quando sei in finale sei cambiato eccome e non sono l’unica a dirlo. Butti la mia testa nel cesso. Hai capito cosa hanno detto di me? Quando ho detto ‘bava alla bocca’, non era inteso verso Taylor, ma per altri motivi. Non sei passato per scemo, è una questione di percezione” e giù improperi di ogni genere: da “omuncolo” a “cretino, vittima dei miei co***ni”. Il ragazzo ha chiesto di usare un altro linguaggio e di non permettersi quella confidenza sostenendo che fosse gelosa: “Sì lo eri, mi hai messo il broncio e non capivo perché. Mi hai detto che avevo la bava alla bocca e io non ci sto a fare la figura del cretino”.

La discussione è andata avanti per tutta la puntata e anche dopo culminando in una scena vergognosa. Durante la festa per l’anniversario dei 5 anni d’amore di Stefania Pezzopane e Simone Coccia, Francesca ha riaperto la lite. Nemesi ha voluto che la De Andrè (probabilmente molto nervosa per lo “schiaffo” del pubblico che al televoto non l’ha voluta in finale, nda), corna da diavolo in testa, abbia travolto di nuovo Gennaro con una gragnola di offese: “uomo di me**a” ripetuto venti volte e pure “sfigato, calcolatore, falso, sei peggio degli altri, vai a bere va, io egoista? Uomo di me**a”. La ragazza ha svelato un altarino: “Mi hanno massacrata e tu ti sei unito agli altri! Mi fai schifo. Verme, ti devi vergognare. Mi hai detto che devi fare un favore a una persona e fare lo scemo con Taylor Mega. A chi devi fare il favore? Parla chiaro, infame”. Il gieffino ha ribadito che è una persona egoista e pensa solo a sé stessa ed è andato nella stanza della festa, ma la De Andrè lo ha raggiunto: “Ma quando ho pensato ai ca**i miei? Quando?” e Gennaro a bassa voce: “Prima, in diretta, sul divano, sei stata egoista” e la genovese con uno schiaffo gli ha fatto volare via il bicchierino di gelato che stava mangiando: “E leva questo ca**o di gelato. Perché ti ho detto che cosa? Che tu hai percepito una cosa e invece era un’altra?”. Lillio si è alzato e se n’è andato senza aprire bocca, mentre la De Andrè ha denigrato colpendolo per l’ennesima volta nella sua virilità: “Ah ragazzina, ma vaffan***o, io song ‘ommo, io song ‘ommo, ma c’hai gli arachidi al posto dei cog***i (frase già pronunciata altre due volte, nda)”. Nessuno dei concorrenti ha avuto il coraggio di zittire la De Andrè a parte Gianmarco che ha preso Gennaro e lo ha portato in giardino per dargli una lezione: “Devi pensare prima di fare certe cose così eviti di stare male. Non è che posso venire da te, tirarti uno schiaffo chiederti scusa e poi ricominciare, ricoprirti di insulti e dirtene di ogni. Te mi rispondi ok ma pensaci prima perché certe cose feriscono. Se però te ci torni sempre…”.

Lillio ha chiesto provvedimenti al GF per la violenza verbale subita dalla De Andrè: “Mi ha scaraventato la cosa via dalle mani ed era aggressiva, mi ha offeso e mi ha dato un ceffone sulle mani. Con me ha chiuso davvero. Non la posso perdonare questa volta. Ma ti rendi conto? Mi ha tirato degli schiaffi. Mi chiede scusa e le do una stretta di mano, ma stop! Lontana! Per fortuna sei intervenuto, poteva fare peggio. Questo non fa star bene me, io sono pacato, non sono per la violenza e questo non mi fa star bene”. Dopo l’episodio della sberla sulle mani, Francesca col bicchiere di vino in una mano e il beautycase nell’altra ha urlato che voleva uscire: “Aprite le porta che me ne vojo veramente andà”. Poi si è rinchiusa in Confessionale e ha continuato a urlare. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500