cerca

Cumuli lì dalle feste

Roma è di nuovo sotto i rifiuti
Raggi licenzi gli spazzini inutili

Nessuno ha portato via la spazzatura delle feste. E questa volta non c'era alcuna emergenza discariche, o braccio di ferro fra il Comune di Roma e la Regione Lazio. Semplicemente erano in ferie anche gli spazzini e i dipendenti Ama che dovrebbero passare a svuotare i cassonetti e a raccogliere i sacchi intanto depositati a terra perché per giorni i primi erano stracolmi. Un po' di malattie, un po' di ferie che non si sa bene chi ha concesso essendo nota l'emergenza che si sarebbe creata. Risultato: gran parte di Roma è in condizioni inaccettabili, sepolta sotto i rifiuti. Nel video le tappe dello spazza-tour di questa mattina, con le condizioni pazzesche di Roma Nord.

Nemmeno dove sono capitati incidenti e qualcuno furioso ha dato fuoco ai rifiuti accumulati è intervenuta nei giorni successivi l'azienda municipale di raccolta rifiuti. Virginia Raggi in questi anni ha licenziato più amministratori dell'Ama, ma la musica non è cambiata. Forse è il caso di mettere mano al vero problema: gli 8 mila dipendenti, che sono un esercito che attraverso i propri sindacati governa quella azienda imboscando quanta più gente possibile. Mille sono disabili, e va bene (anche se non si capisce come siano potuti finire lì in quel numero). La metà sono amministrativi, e anche qui difficile comprenderne le ragioni. Ma quelli che dovrebbero essere per strada e fare il loro lavoro non ci sono. E bisognerebbe indicare loro presto la porta d'uscita con il pugno di ferro. Perché se si vedono queste immagini (che per un motivo o per un altro testimoniano la terza emergenza in soli sei mesi), diventa una vera e propria provocazione inviare ai cittadini di Roma il bollettino della tassa dei rifiuti. Per altro una delle tasse più alte in Italia...

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500