cerca

Ryazansky e Bresnik al Papa: dobbiamo pensare come genere umano

Il pontefice collegato dal Vaticano con gli astronauti sull'Iss

Città del Vaticano (askanews) - "Qui rappresentiamo differenti popoli e ognuno di noi ha la sua storia; la mia è iniziata con mio nonno che è stato un pioniere, uno degli ingegneri che ha costruito lo Sputnik e per me è un onore continuare la sua tradizione perché lo Spazio è importante per noi come esseri umani".

A parlare è il cosmonauta russo Sergey Ryazansky, rispondendo a una domanda di Papa Francesco, collegato dal Vaticano con la Iss, che chiedeva cosa avesse spinto a diventare astronauti gli uomini dell'equipaggio, di cui fa parte anche l'italiano Paolo Nespoli, che ha fatto anche da traduttore.

"Ciò che vedo da qui - ha aggiunto l'americano Randy Bresnik della Nasa - è una prospettiva incredibile; vedere la Terra un po' quasi come la vede Dio, e vedere la bellezza di questo pianeta. Con la nostra velocità di 10 km al secondo, vediamo una Terra senza confini, dove l'atmosfera è sottile e labile e guardare la Terra in questo modo ci permette di pensare come essere umani e considerare che tutti dovremmo lavorare assieme e collaborare per un futuro migliore".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni