cerca

Vedana (Unione Fiduciaria): MiFID 2 una buona normativa, a regime

Giornata di studio sulla direttiva operativa dal 3 gennaio 2018

Milano (askanews) - Nuovi obblighi di trasparenza, rafforzamento dell'investor protection, nuove procedure IT, whistleblowing: a meno di due mesi dalla piena operatività della direttiva europea MiFID 2, Unione Fiduciaria ha riunito a Milano rappresentati di istituti bancari, autorità di vigilanza, professionisti e consulenti per un confronto in vista della scadenza del 3 gennaio. "Obiettivo della giornata è contribuire a chiarire i molti dubbi

che ancora presenta questa normativa - dice Fabrizio Vedana

vice direttore generale di Unione Fiduciaria - Normativa destinata a riscrivere le regole disciplinanti il servizio di consulenza finanziaria".

Tra le numerose novità della MiFID 2 c'è l'introduzione del wistleblowing, o la procedura di allerta interna, ovvero di un sistema che punta a prevenire attraverso delle vedette all'interno della banca e degli intermediari eventuali scandali come quelli avvenuti nel passato. Un approccio alla correttezza e alla protezione dei valori simboleggiato da un fischietto da usare per lanciare l'allarme. "Il fischietto è una opportunità che deve essere colta da tutte le aziende perché grazie al fischietto potranno venire alla luce comportamenti illeciti consentendo all'intermediario di venire a conoscenza di situazioni anomale all'interno della propria operatività aziendale - aggiunge Marcello Fumagalli

direttore Consulenza Banche di Unione Fiduciaria -

Il primo fine è la tutela del cliente, ma non ultimo anche la tutela dell'azienda che potrebbe pagare di meno, avere meno reclami e soprattutto assicurare una maggior tutela per i comportamenti dei propri dipendenti".

Oltre le tante opportunità della MiFID 2 per risparmiatori e imprese, vanno considerate però anche le criticità ancora non risolte: dai costi ai tempi previsti per attuarla nel concreto. "MiFID 2 Può essere una opportunità anche se crea molta complessità per le banche. - sottolinea Carlo Capotorti consulente Banca Popolare di Sondrio - Ci possono guadagnare i risparmiatori e le imprese. Il problema, e speriamo che ci sia un chiarimento della normativa, è che sicuramente porterà alle imprese costi non indifferenti e difficoltà di adeguamento". "La MiFID 2 sicuramente porta con sè novità destinate a migliorare il rapporto tra intermediari e risparmiatori - conclude Vedana - Quindi il giudizio complessivo è: quando andrà a regime sarà sicuramente una buona normativa".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni