cerca

Foodies Bros, la dispensa di cibo italiano firmata Simone Rugiati

Lo chef insieme a Eurofood lancia linea di prodotti per l'estero

Milano, (askanews) - Una dispensa di cibo italiano autentico, alla conquista dei palati e delle cucine di tutto il mondo. A selezionare ogni prodotto di questa dispensa lo chef Simone Rugiati, noto volto televisivo, che ha lanciato una nuova linea di prodotti, Foodies Bros, insieme a Eurofood, leader italiano nell'import e nella distribuzione di prodotti food and beverage nel mondo.

"Ambasciatore del buon cibo, delle piccole e grandi realtà artigianali che abbiamo. 00.00.16 quindi piccole perchè sono piccole per fare una materia prima di qualità alta alla portata di tutti perchè cerchiamo di coinvolgere a livello di comunità del gusto, ci teniamo a far conoscere l'Italia fuori per la cosa che si racconta da sola, il cibo. Quando lo assaggi capisci tutto".

Dentro questa dispensa ci sono alcuni must have per un vero appassionato di cucina italiana, dalla pasta di Gragnano al riso originario del pavese, passando per il tonno siciliano, che Rugiati, con una precisione quasi maniacale, ha selezionato: "Volevo che non ci fossero quelle cose che ci sono nei prodotti conservati. Io sono sempre stato per la materia prima, dico che se fai bene la spesa il ristorante più buono del mondo è casa tua perchè sai quello che mangi. Se devo diventare retorico o poetico e devo consigliare a qualcuno di cosa costruirsi lo vorrei fare con mattoncini sani".

Tanto è stata rigorosa la selezione dei prodotti quanto curata è l'estetica, dal packaging dal sapore vintage alla scelta del nome, che ammicca alle comunità degli amanti della buona tavola italiana:

"L'abbiamo chiamato Foodies Bros perchè volevamo far capire che è una selezione di tanti piccoli produttori sparsi per l'Italia che sono bravi in quel punto a fare quella cosa; quindi foodies Bros è un po' la comunità degli amanti delle cose come le fa la nonna solo che prima si trovavano solo dal contadino adesso in tutto il mondo".

Ad essere dei pessimi ambasciatori delle nostre eccellenze alimentari però talvolta siamo noi italiani per primi, che con abitudini scorrette, non valorizziamo questo patrimonio

"Noi viviamo nel cuore della dieta mediterranea spesso e volentieri senza neanche sapere perchè si chiami così e quindi siamo salvi da ogni tipo di cattiva alimentazione e poi facciamo la spesa con prodotti fuori stagione e mangiamo un sacco di grassi saturi e di sale: è sbagliato questo andazzo e che noi con una bandiera italiana sulle spalle, visto che non siamo più tanto bravi nel calcio, almeno concentriamoci su quello che sappiamo fare meglio che è il cibo".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni