cerca

La trascendenza degli oggetti: Luca Gilli al Diocesano di Milano

La mostra "Di/Stanze", curata con stile da Matteo Bergamini

Milano (askanews) - Quello che non ci si immaginava, eppure senza nessun tipo di "finzione". La mostra "Di/Stanze" del fotografo emiliano Luca Gilli che Matteo Bergamini ha curato al Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano è un'ottima palestra per mettere in discussione pregiudizi e categorie rigide. Le sue immagini, apparentemente astratte, sono un interessante modo di pensare e utilizzare lo stesso strumento fotografico.

"La mia fotografia - ha detto Gilli ad askanews - è una fotografia che lavora molto suk bianco, dialoga molto con la pittura, ma è fotografia, nel senso che nelle opere in mostra non c'è niente di diverso da quello che io ho visto quando ho fatto la foto".

Quello che vede lo spettatore, però, è più un processo di stratificazione della percezione, nato dallo stesso approccio stratificato dell'artista. "Innanzitutto - ha aggiunto Gilli - il soggetto sono per lo più cantieri in corso, entro in questi ambienti e lo approccio lentamente per immergermi completamente, e lentamente cerco di estrarre dei particolari di questa visione sospesa".

Sul rapporto tra fotografia, pittura e pratiche ha ragionato ovviamente il curatore Matteo Bergamini, che ha dato uno stile a tutta l'esposizione. "Ho intitolato questa mostra Di/Stanze, come fatta di stanza, perché Gilli fotografa degli interni che sono ancora dei work in progress, degli spazi che diventeranno di uso comune, degli uffici, eccetera. E distanze proprio perché Gilli tramite questa selezione sembra prendere una serie di allontanamenti da quella che è la composizione dell'architettura".

Le architetture sembrano scomparire, il fardello del mondo si stempera nella luce imposta dallo sguardo del fotografo. "Questo sottrarre la gravità - ha proseguito Luca Gilli - questo donare leggerezza, toglie gli oggetti dalla loro consuetudine, fa assumere loro un'aura diversa, quindi si va al di là dell'apparenza e della fattualità del soggetto per aprire alla trascendenza, a quello che noi siamo realmente, noi siamo delle entità che trascendono".

E se si parla di trascendenza è impossibile non notare che questa parola viene pronunciata all'interno di un museo fortemente connotato in senso religioso. "Siamo al Museo Diocesano - ha concluso Bergamini - e queste fotografie assumono un aspetto molto mistico, molto spirituale".

La mostra, realizzata in collaborazione con Paola Sosio Contemporary Art di Milano, resta aperta al pubblico fino all'8 aprile.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni