cerca

la classifica

Time incorona Matteo Salvini: tra i 100 più influenti al mondo

Le motivazioni le scrive Steve Bannon: "È il più chiacchierato in Europa. E dopo le elezioni sarà il più potente"

Matteo Salvini tra le cento persone più influenti al mondo, secondo la classifica annuale stilata dal settimanale statunitense Time. Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno è stato inserito tra i 26 leader scelti per il 2019, accanto al presidente Usa Donald Trump, alla giovane attivista per il clima Greta Thunberg, alla leader democratica alla Camera statunitense Nancy Pelosi, al leader dell'opposizione venezuelana autoproclamato presidente Juan Guaidò, alla neodeputata Usa Alexandria Ocasio-Cortez e a Papa Francesco, solo per citarne alcuni.

Salvini non è l'unico italiano nella lista di Time, che è suddivisa in cinque categorie: leader, artisti, icone, pionieri e titani. Lo chef Massimo Bottura figura tra i pionieri, mentre Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della maison Valentino, tra le icone, insieme a celebrities come Lady Gaga, Michelle Obama, Spike Lee e Taylor Swift.

Ogni persona scelta per la lista è stata raccontata da qualcuno che la conosce: nel caso di Salvini, il ritratto è stato scritto da Steve Bannon, ex stratega del presidente Donald Trump e ora attivo anche in Europa a sostegno dei movimenti sovranisti.

Bannon, raccontando l'azione politica di Salvini, lo ha definito "il più anticonvenzionale dei politici", che ha condotto "la campagna più anticonvenzionale", fatta anche con i Live su Facebook. Salvini, secondo Bannon, ha fatto "resuscitare l'orgoglio nazionale italiano" nella battaglia contro l'Unione europea. La sua "visione - ha aggiunto - è stata di formare un governo con il Movimento 5 Stelle, dando vita per la prima volta a una combinazione tra destra e sinistra, populisti e nazionalisti" e, da ministro dell'Interno, "ha chiuso i porti all'immigrazione illegale e ha ridotto il traffico di esseri umani". Insomma, Bannon ha concluso il suo ritratto scrivendo che Salvini "è ora il politico più chiacchierato in Europa e, entro la fine di maggio, dopo le elezioni per il Parlamento europeo, potrebbe essere il più potente".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500