cerca

La ragazza morta sull'Ostiense

"Tappami" e tassisti con la madre di Elena Aubry: "Buche un'emergenza, questione di sicurezza"

Continua l’iniziativa di Graziella Viviano, la madre di Elena Aubry, la ragazza morta in motorino sulla strada dissestata di via Ostiense.

L’associazione “Tappami” ha accolto l’idea di Graziella cominciando a segnare di giallo e tappare le buche sulle strade di Roma con l’aiuto di molti cittadini e tassisti che denunciano il problema. L'associazione sostiene che "le buche sono un'emergenza e quindi il problema va affrontato in modo emergenziale" mentre la madre di Elena auspica un sistema attraverso il quale i cittadini di ogni Municipio possono segnalare le buche che hanno visto. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500